100 anni di comunismo: si istituisca il Giorno della Memoria per mai più dimenticare i suoi orrori

di Ilya Somin, traduzione di Cristian Merlo

L’Unione Sovietica non fu il regime comunista più oppressivo. Probabilmente non toccò mai i vertici del totalitarismo ancor più assoluto realizzato dai Khmer rossi e dalla Corea del Nord. Né detiene il primato per il maggior numero di eccidi – record che spetta ai comunisti cinesi con Mao Zedong. Ma l’esperimento sovietico ha rappresentato il paradigma di riferimento per tutti i successivi regimi comunisti, ed è difficile immaginare la diffusività della loro ascesa al potere in mancanza di tale esperimento

 

Oggi è il Primo maggio. Dal 2007, sono sempre stato fervido promotore dell’idea di eleggere questa data quale ricorrenza internazionale per commemorare le vittime del comunismo. Ho descritto la logica di questa proposta (che, a dire il vero, non è stata una mia idea originale) in un primo post sull’argomento.

Il Primo maggio sorse come giorno festa per i socialisti e per gli attivisti sindacali, non soltanto per i comunisti. Ma nel corso del tempo, la data è stata fatta propria dall’Unione Sovietica e dagli altri regimi comunisti e brandita come strumento di propaganda per legittimare la propria autorità. Per tal motivo, suggerisco invece di identificare questa giornata come una data convenzionale per commemorare i milioni di vittime di questi regimi. Il prestigioso “Il libro nero del comunismo” ne stima il totale in 80-100 milioni di morti, un numero ben superiore rispetto a quello causato da tutte le altre tirannie del ventesimo secolo combinate tra loro. Abbiamo opportunamente istituito il Giorno della Memoria dell’Olocausto. È altrettanto opportuno ricordare le vittime dell’altra grande tirannia totalitaria del ventesimo secolo. E il primo di maggio è la giornata più adatta per poterlo fare…

La nostra indolenza nel comparare i crimini comunisti implica delle serie conseguenze. Istituire un Giorno delle Memoria delle vittime del comunismo può servire al duplice scopo di onorare adeguatamente i milioni di morti innocenti e di limitare la probabilità che tali atrocità si possano ripetere. Proprio come il Giorno della Memoria dell’Olocausto e altri eventi simili ci aiutano a sensibilizzare le persone relativamente ai pericoli del razzismo, dell’antisemitismo e del nazionalismo radicale, parimenti il Giorno delle Memoria delle vittime del comunismo può accrescere la consapevolezza dei pericoli recati dalle forme del totalitarismo di sinistra e dal controllo statale dell’economia e della società civile.

Quest’anno rappresenta un periodo particolarmente significativo per commemorare le vittime del comunismo, giacché cade la ricorrenza del centesimo anniversario della Rivoluzione d’Ottobre – la presa del potere da parte dei bolscevichi in Russia. L’Unione Sovietica non fu il regime comunista più oppressivo. Probabilmente non toccò mai i vertici del totalitarismo ancor più assoluto realizzato dai Khmer rossi e dalla Corea del Nord. Né detiene il primato per il maggior numero di eccidi – record che spetta ai comunisti cinesi con Mao Zedong. Ma l’esperimento sovietico ha rappresentato il paradigma di riferimento per tutti i successivi regimi comunisti, ed è difficile immaginare la diffusività della loro ascesa al potere in mancanza di tale esperimento. Oltre ai considerevoli sussidi materiali che l’Unione sovietica erogava agli ordinamenti allineati di altri Paesi, la presa di potere bolscevica in Russia ampliò anche a dismisura le prospettive di affermazione dell’ideologia nel resto del mondo.

Ai nostri giorni, vi è ancora chi sostiene che il comunismo sovietico costituisse originariamente uno sviluppo positivo e andò corrompendosi successivamente, dopo che Joseph Stalin si insediò al potere. Ma i crimini di Stalin erano in gran parte una evoluzione estensiva delle precedenti pratiche di Lenin. Ed è improbabile che gli eventi avrebbero preso ben altra piega se Stalin avesse abdicato a favore di Leon Trotsky, il suo principale rivale nella lotta per il potere. Per certi rispetti, l’agenda di Trotsky era anche peggiore di quella di Stalin.

Come lo studioso britannico Tony Brenton e altri preminenti storici hanno evidenziato in un recente libro di assoluta rilevanza, l’ascesa del comunismo in Russia è stata una tragedia del tutto evitabile, tutt’altro che ineludibile. Speriamo solo che si possa imparare dalla sua storia e trovare per tempo delle soluzioni per mitigare il rischio di riproporre simili orrori in futuro.

In un post del 2012, spiegavo i motivi per cui il Primo maggio fosse la data più opportuna per istituire il Giorno delle Memoria delle vittime del comunismo rispetto ad altre alternative opzionabili, quale il 7 novembre (l’anniversario della presa del potere da parte dei bolscevichi in Russia) e il 23 agosto (anniversario del Patto di non aggressione siglato dal ministro degli Esteri sovietico Molotov e dell’omologo tedesco, Ribbentrop). Ho anche individuato diverse possibili obiezioni alla individuazione del Primo maggio quale data di elezione, ivi incluse le rivendicazioni che considerano quel giorno appannaggio esclusivo delle celebrazioni sindacali. Ma, come ho puntualizzato in un altro posto del maggio 2013, sarei ben felice di convenire una data diversa se solo risultasse più facile raccogliere consenso intorno ad essa. Se si scegliesse un’altra data, personalmente opterei per il 7 novembre – non certo per l’aspirazione a sminuire l’importanza delle atrocità comuniste commesse in altre nazioni, bensì per il ruolo speciale e specifico giocato dalla Russia nella storia del comunismo.

 

Articolo di Ilya Somin su The Washington Post

Traduzione di Cristian Merlo

 

———————————————————————————————————————————————————————————————————————–

Durante la devastante carestia degli anni Venti, indotta dalla folle politica di guerra perseguita da Lenin e dal Partito Comunista Russo dal 1918 al 1921, si stima che perirono circa cinque milioni di vittime innocenti. Rivendicando il controllo diretto della produzione agricola, espropriando le strutture latifondiste preesistenti, operando ampie requisizioni di derrate alimentari ai danni dei contadini, mettendo al bando ogni tipo di compravendita e introducendo un meccanismo di razionamento alimentare, la popolazione fu letteralmente scaraventata nella spirale della fame, dell’inedia e della miseria più degradante. Ed è in questo contesto che numerosi commentatori coevi, recatisi in Russia, riferirono di molteplici casi di cannibalismo diffuso, di uccisioni di bambini, di profanazione dei cimiteri e di vendita di carne umana nei mercati.

Nel libro “La Ceka : il terrore bolscevico“, pubblicato nel 1923 per l’editore La Promotrice, si dà atto che tali episodi di cannibalismo non erano affatto sconosciuti alle élite autocratiche al comando e non costituivano certo una novità neppure per gli organi istituzionali rappresentativi dei Soviet:

“I cadaveri umani già vengono usati come alimento… I parenti dei morti di fame sono costretti a mettere per il primo tempo dei piantoni presso le tombe… I fanciulli morti vengono fatti a pezzi e messi nella pentola”. Così parla questo collaboratore [Antonoff Ovsenko] del ben noto Krylenko nella sua relazione ufficiale al Congresso dei Soviet. E ciò viene riprodotto dalla stampa ufficiale, nella quale da allora non cessano di esser pubblicati lunghi e dolorosi elenchi dei casi di cannibalismo provocato dalla fame, registrati ufficialmente.

L’apertura degli archivi sovietici, segreti sino al 1989, non ha fatto altro che confermare queste terribili testimonianze del passato.

Disclaimer: di seguito verranno pubblicate delle testimonianze visive di quanto sopra riportato, che potrebbero risultare piuttosto forti e non adatte ad un pubblico sensibile.
Ma in un contesto come quello italiano in cui ancora, a distanza di un secolo, si rinnegano certi accadimenti storici e si indugia a celebrare le “magnifiche sorti e progressive” dell’Utopia collettivistica che si era fatta Stato, appare non solo opportuno, ma anche dirimente, dar risalto alla Verità.

Per la fonte delle immagini riprodotte, clicca qui.

In questa drammatica immagine d’archivio, una coppia di contadini russi, prostata e degradata sino all’inverosimile dalle miserabili condizioni esistenziali in cui l’affermazione dell’ideologia comunista l’aveva precipitata, si ritrova costretta a  fare compravendita di carne umana in un mercato.

 

In questa fotografia, del 1922, si nota una famiglia completamente annientata dagli effetti della Grande Carestia indotta dall’applicazione delle politiche economico-sociali perseguite da Lenin e dai bolscevichi.

 

Una bambina affamata e denutrita: una condizione tipica ed usuale della Russia bolscevica.

 


In questa foto, dell’ottobre 1921, sono ritratti alcuni bambini emaciati e malnutriti in un campo di accoglienza di Samara, citta del distretto del Volga, tra le più colpite dagli effetti della Grande Carestia.

 

Un bambino disperato, raffigurato in lacrime presso un ospedale di Samara. La foto è stata presentata dalla Missione umanitaria di Fridjtof Nansen in: Histoire des Soviets, di Henri de Weindel, France, 1922-23.

 

Una mensa per bambini indigenti, in questa foto scattata nel 1923 a Pokrovsk, vicino a Saratov.

 


In questa immagine del 1921, un bambino denutrito e avvolto in coperte, che condivide la sofferenza con un ragazzo afflitto dalle stesse miserabili condizioni, presso l’ospedale di Samara.

 


Un corteo funebre per alcuni bambini sopraffatti dalla fame e dalla miseria, nelle strade di Samara: foto del 1921.

 


I morti per fame e denutrizione vengono portati via da carri trainati da cavalli: è un fatto del tutto usuale a Samara, nell’ Unione Sovietica degli anni Venti. Foto di Henri de Weindel.

5 (100%) 1 vote

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*